mercoledì 22 luglio 2015

L'Inchiesta di Mario De Martino

Salve popolo di naviganti,
oggi voglio proporvi un saggio. Quest'estate la mia TBR è costituita da cinque saggi, tre riguardano la scrittura, uno la psicologia e l'ultimo (letto per primo) "L'Inchiesta" di Mario De Martino che, tratta la storia del Cristianesimo. Perché partire da qui? Mario ha pubblicato video, cards, articoli su facebook molto interessanti che sono andati  ad alimentare una curiosità insita in me da tempo. Ho letto molti dei libri della Bibbia, ho sempre creduto di "conoscerli", non di certo come un teologo o un professore di Storia delle religioni ma come un' autodidatta appassionata e trovo, oltre al fatto che sia il libro sacro per molti e in questo non posso che rispettare il credo altrui, che sia il più affascinante libro di miti e leggende mai pubblicato nella storia dell'umanità. La Bibbia è una grande fonte di ispirazione non solo per il credente ma anche per lo scrittore appassionato di Fantastico. 


«Il Signore è lento all'ira e grande in bontà, perdona la colpa e la ribellione, ma non lascia senza punizione; castiga la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione.»
[Numeri 14:18]

«Non s'impietosirà il mio occhio e non avrò compassione, ma ti terrò responsabile della tua condotta e saranno palesi in mezzo a te le tue nefandezze: saprete allora che sono io, il Signore, colui che colpisce.»
[Ezechiele 7:9]

La Bibbia è uno dei libri più rimaneggiati al mondo; non conosciamo con esattezza nemmeno chi siano i suoi autori.
Ci sono discrepanze tra ciò che ci viene insegnato e ciò che è effettivamente riportato nei testi sacri?
È vero che il contenuto della Genesi è soltanto un mito?
I comandamenti dettati a Mosè sono quelli che ci ha tramandato la tradizione?
Esistono prove storiche dell'esistenza di Gesù?
Che cosa raccontano i vangeli apocrifi?

Un libro fatto di domande per tutti i curiosi che non smettono di cercare risposte.


Recensione

"L'Inchiesta" di Mario De Martino non è un saggio qualunque, ha una particolarità: si legge come un romanzo. Vivace, fresco, le pagine scorrono e ci si ritrova a viaggiare nel tempo con una rapidità sorprendente. Come lui stesso ammette non è "la nuova teoria sulla non esistenza di Dio", anzi precisa che noi umani non abbiamo i mezzi per rispondere a un quesito del genere, ma che il suo è un libro di domande nato per i curiosi. La prima domanda che ho ritenuto degna di nota e che ha stuzzicato la mia voglia di conoscenza è: "Può, insomma, essere stato l'uomo ad aver fatto Dio a sua immagine e somiglianza?", può davvero essere stato l'uomo a sfruttare la sua immaginazione al punto tale da crearsi un Dio? In fondo i poteri della mente umana sono sconosciuti, e tra noi, e le paure dei primi esseri pensanti, c'è un abisso senza certezze alcune. 
La cosa interessante del testo è che parte con dieci domande che capitolo per capitolo verranno sviscerate affrontando ogni volta un tema diverso. Si parte con la Bibbia, Gesù, i vangeli, il Cristianesimo, le reliquie. Per ogni tesi c'è un'antitesi. Mario De Martino snocciola i vari argomenti con imparzialità, distaccandosene nella giusta misura per dare spazio al lettore per farsi una sua idea. Quando ho letto il saggio non mi sono mai sentita oppressa o in "guerra" con il pensiero dell'autore, anche se è logico che dietro a questo saggio (quindi studio e ricerca) ci sia dello scetticismo nei confronti della Chiesa. A cui, però l'autore riconosce i meriti di alcune missioni, in più tratta la figura di Gesù (o dell'uomo storico considerato tale se mai esistito) con rispetto riconoscendogli meriti umani che non possono essere ignorati. 

Consiglio questo libro perché è scritto in maniera egregia, tocca tutti i temi più importanti del cristianesimo e perché è obiettivo ed esaustivo. 
L'autore mi ha incuriosito molto, leggerò alcuni dei testi da lui citati e rileggerò la Bibbia per andare alla ricerca di quelle peculiarità che mi hanno tanto fatto riflettere. (Antico testamento: monoteismo o politeismo? Lucifero è un nome proprio? Vangeli: Conosciamo l'infanzia di Gesù? Come si sarebbe mai comportato un bambino con poteri così enormi? In più: Qual è il vero volto di Gesù?  Alcuni riti cristiani sono stati assimilati da quelli pagani? E le reliquie sono tutte vere?).

Un plauso a Mario De Martino che è riuscito a rendere interessante un testo il cui contenuto, spesso, anche "gli addetti ai lavori" rendono di una pedanteria mortale, e soprattutto per il rispetto che rivolge a chi ha fede (è la cosa che più mi ha toccata), Mario scrive che ognuno di noi ha fede in qualcosa, chi in Dio, chi nella Materia e chi nell'Universo e aggiunge che "(...) L'armonia che regge l'universo, che ne permette l'esistenza e ne regola le leggi, non credo possa essere liquidata come frutto del caso. Se così fosse, matematici, fisici, e scienziati brancolerebbero nel buio alla ricerca di una spiegazione al nulla". Questo a dire che c'è materiale per tutti. Buona lettura. 

Nessun commento:

Posta un commento