martedì 9 giugno 2015

Clizia: Il simbolo del girasole.

CliziaTutto nasce da un tradimento. Venere, moglie di Vulcano, si innamora perdutamente di Marte e tradisce il marito nel talamo nuziale. Apollo, il Dio del Sole, scopre il misfatto e accusa i due presso il tradito che, architetta una vendetta sottile e crudele. Costruisce una rete invisibile da legare intorno al letto, alcova dei due amanti. La passione travolgente porta Venere e Marte a cadere in trappola, messa in mostra da Vulcano a tutti gli dei che accorrono alle sue urla disperate. Nettuno intercederà per i due, affinché vengano liberati, lasciando sfuriare Vulcano.
A quel punto Venere decide di vendicarsi e lo fa nell’unico modo possibile: colpendo il cuore di Apollo, che ha una storia d’amore con Clizia. Figlia di Oceano e Teti è una splendida e meravigliosa ninfa, che ama perdutamente il Dio del Sole, ricambiata fino a quando interviene Venere che lo fa innamorare di una mortale, Leucotoe figlia di Orcamo, re degli Achemenidi, geloso in maniera patologica non acconsentirebbe mai all’unione tra i due. Apollo trova un modo per avvicinare la principessa. Assume le sembianze della madre della ragazza e riesce ad entrare nelle sue stanze. Leucotoe sta tessendo ed è circondata dalle sue ancelle. Il Dio del Sole riesce a rimanere da solo con lei e la seduce. Clizia scopre il tradimento e va su tutte le furie, prima allontanata e poi ripudiata dall’amato, trova soddisfazione al suo dolore in un solo modo: raccontando tutta la verità al re Orcamo, che in preda a una furia omicida ordina che la figlia sia seppellita viva, in una buca profonda. Apollo prova a salvarla ma non ci riesce, sulla terra bagnata cosparge un nettare profumato da cui nascerà la pianta dell’incenso.
Il seguito potrete trovarlo su TrueFantasy, dove curo la rubrica Donne Mitiche.

Nessun commento:

Posta un commento