lunedì 29 dicembre 2014

La bambina dei sogni di Carlo Menzinger


La bambina dei sogni - Carlo Menzinger di PreussenthalUna bambina persa nella metropolitana. Una misteriosa accompagnatrice. Un’irresistibile attrazione.
Strani sogni sempre più simili a incubi.
Un potere incontrollabile e che può diventare letale.
Il potere di mutare i sogni in incubi.

Il potere di entrare nei sogni.

IL POTERE DI UCCIDERE CON UN SOGNO.

Realtà, sogno e letteratura si mescolano in un crescendo di drammaticità e allucinazione.

Sunto
Paolo incontra sulla metropolitana una bambina di quattro anni, Elena, e sospetta che sia stata rapita.
Scopre poi che sua madre è morta da poco e la piccola vive in un orfanotrofio. La bambina pare, stranamente, legarsi a lui e Paolo le si affeziona, al punto che decide di prenderla con sé, nonostante abbia già una figlia di sei anni, Laura.
Elena diventa sempre più presente nei sogni di Paolo e della sua famiglia, fino ad assumere un’inquietante corporeità.



Recensione
Paolo, in una mattina qualunque, fa uno strano incontro in metropolitana. Una bambina di quattro anni, Elena, che sembra essersi staccata, volutamente dalla madre. A un'indagine dell'uomo viene a galla che la bambina è orfana e che vive in orfanotrofio. Quello che potrebbe apparire come un semplice e fortuito incontro del destino, diventa un'ossessione. Paolo non riesce a dimenticare Elena, tanto da decidere di ricorrere all'affidamento, nonostante abbia già una figlia. L'incontro cambierà la vita dell'uomo e della sua famiglia a tal punto che la realtà e l'immaginario si fonderanno, e da condurre l'uomo all'esasperazione, in un gioco di luce e ombre claustrofobico.
La bambina ha un potere: quello di manipolare i sogni altrui, ma i sogni riescono anche a valicare i confini dell'immaginario, diventando altro. L'orrifico penetra nella vita del protagonista per minarne razionalità e certezze. 
La bambina dei sogni è un romanzo che inizia con una calma e una pacatezza piacevole, quasi a voler cullare il lettore nell'illusione della normalità. Vengono descritte le dinamiche familiari e approfondita la psicologia dei personaggi. La causa che scatena la vera storia inizia con un sogno, che proietta il lettore in un mondo confusionario, spodestando la tranquillità per un sentimento ansiogeno. 
Cosa nascoste l'ES, la parte irrazionale di noi, quando ci addormentiamo e i lacci del condizionamento vengono sciolti? Una volta liberate le ansie, le paure e gli incubi più reconditi, la mente umana sarà capace di imbrigliare quello che è sfuggito dalla prigione civile e controllata, a cui ci ha abituati la società?
In La bambina dei sogni, Carlo Menzinger scava nel subconscio di Paolo, e lo fa attraverso una scrittura semplice (meno arzigogolata di Giovanna e l'angelo), dove saltano all'occhio citazioni colte e rimandi a Lovecraft. 
Un thriller ad alta tensione emotiva che vi spiazzerà con un finale aperto. 


Dove scaricare gratuitamente, il romanzo: QUI

 "La Bambina dei Sogni" (l'adozione di una bambina dagli strani poteri), "Jacopo Flammer e il Popolo delle Amigdale" (un viaggio fantascientifico nella preistoria) con il sequel "Jacopo Flammer nella Terra dei Suricati", “Il Colombo Divergente” (un'ucronia su Cristoforo Colombo), “Giovanna e l’angelo” (un'ucronia onirica su Giovanna d’Arco), “Ansia Assassina” (un thriller surreale), "Il Settimo Plenilunio" (una gallery novel gotico-fantascentifica scritta con Sergio Calamandrei e Simonetta Bumbi e illustrata da 17 artisti), il romanzo breve “Se sarà maschio lo chiameremo Aida”, scritto assieme ad Andrea Didato e la storia in versi “Cybernetic Love”, scritta con Simonetta Bumbi, pubblicati entrambi nel volume "Parole nel web", che comprende anche un racconto che ho scritto con Sergio Calamandrei "Lei si sveglierà", le raccolte di poesie "Sangue blues", "Spada di inchiostro", "Schiavi part-time", "Rossi di sangue sono dell'uomo l'alba e il tramonto", "Il Terzultimo Pianeta" e “Viaggio intorno allo specchio”. Oltre ad aver curato i volumi "Parole nel web" e "Il Settimo Plenilunio", sono uno degli autori e curatore dell'antologia di allostorie "Ucronie per il Terzo Millennio".

2 commenti:

  1. Grazie della lettura e della recensione!

    RispondiElimina
  2. Grazie a te, per avermi concesso di lettere una storia così interessante.

    RispondiElimina