sabato 25 agosto 2012

Malattie letterarie



Lo sanno tutti  che i ladri sono recidivi e io son tornata a rubare a casa di Bulimia Letteraria. Chiara non me ne vorrà se apprezzo infinitamente le sue chicche. Questa volta i libri vengono abbinati a diverse patologie. 

Si comincia :) Vi consiglio un buon vaccino :)
  1. Diabete: un libro troppo, troppo dolce.
Sarò ripetitiva ma "Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto" di Coelho. Troppo amore: per Dio, per l'amato, per il prossimo, fino all'esaltazione. 










2. VARICELLA - Un libro che hai letto una volta e non rileggeresti mai più

"Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire" di Melissa P. Mii aspettavo chissà che cosa e invece è solo  il diario di un' adolescente in preda alle crisi esistenziali. Non l'ho trovato straordinario e tanto meno interessante, né la storia e né la scrittura. 







3. INFLUENZA - Un libro che si diffonde come un virus

"Caos Calmo" di Veronesi. Un libro priva di senso, come i virus! Ho preferito il film ma il libro è confusionario, ripetitivo. Ossessivo oserei dire. 








4. MALATTIA RICORRENTE - Un libro che rileggi spesso o ogni anno.

Libri di harry potterNon rileggo mai lo stesso libro ma posso dire che  ogni anno, come regalo natalizio leggo per tutto il mese di dicembre,  rigorosamente fantasy, ormai l'abitudine è diventata tradizione ... Per questo dico che rileggerei volentieri tutta la saga di "Harry Potter" della Rowling. 




5. INSONNIA - Un libro che ti ha tenuto sveglio.

Faccio lo stesso gioco di Chiara di Bulimia letteraria e dico che se l'essermi tenuta sveglia dipende dalla paura allora dico  "Quattro dopo mezzanotte" di King, lo giuro mi ha spaventata, ha mosso qualcosa di abominevole dentro di me! Invece per il desiderio di leggere senza fermarmi né per  mangiare e né per dormire "Il petalo cremisi e il bianco" di Faber. Un romanzo che consiglio agli appassionati di storia, ai visionari, ai cinici e a chi ama essere sorpresi sul finale. 










6. AMNESIA - Un libro che hai letto, ma di cui hai dimenticato tutto o quasi

Non ho dubbi "Una canna da pesca per mio nonno" di Gao  Xingjian . Ricordo solo il titolo.





7. ASMA - Un libro che ti ha tolto il fiato.

"Bruciata viva" di Suad. Rendersi conto che esistono realtà abominevoli fa tremare il cuore ma venire a conoscenza di verità scomode, dietro la porta di casa, fa davvero davvero paura. Di cosa è davvero capace l'uomo? 






8. MALNUTRIZIONE - Un libro povero di contenuti.
"Domeniche da Tiffany" Di Patterson. Solita tiritera. 








9. MAL DI MARE - Un libro che ti ha portato in un altro mondo.

Nono ho il minimo dubbio "Cuore d'inchiostro" di Funke. Non è solo la storia originale, i personaggi incantati ma è la scrittura che attira il lettore a sé. E' una scrittura fatata, piena di personalità, di carisma, di attrazione. Bisogna davvero prendersi a schiaffi per uscire dal libro.   



E invece le vostre malattie letterarie?

2 commenti:

  1. Come al solito grazie a te scopro libri nuovi che mi intrigano: questa volta saccheggio Faber e lo infilo di diritto nella mia lista dei desideri.

    RispondiElimina
  2. Ti piacerà, ne sono sicura. E' un romanzo straordinario!

    RispondiElimina