sabato 4 febbraio 2012

Quanti passi indietro?

Mi sento indignata e sofferente. Arrabbiata e vorrei tanto conoscere il giudice o i giudici che hanno deciso che "Il branco" non finirà in galera per lo stupro di gruppo. Se ne staranno belli e spaparanzati nelle loro case, i "maschietti super - uomini" che hanno creduto di fare bella mostra della loro virilità violentando una ragazzina, magari quella etichettata come "la facile" ... Ridendo: "Tanto chi le crederà ..."

E' già tanto difficile denunciare, subire gli sguardi e il giudizio altrui, perché bisogna ricordare tutti quei casi in cui la vittima è stata ghettizzata e in molti hanno sussurrato "se l'è cercata", in quante hanno perso amici e identità sociale,  quante sono dovute andar via ... e ora  all'umiliazione iniziale si aggiunge anche la beffa della "Assoluzione" giudiziaria  per i mostri ...

Eppure tutte noi, tutti gli uomini sani di mente, il mondo intero continua a urlare "Denunciate!!!" e oggi per la prima volta mi sono chiesta "Per chi e perché?".

Io non riesco più a "sentire", "percepire" l'Italia come MIA! Non riesco a sentirmi sicura, protetta, tutelata.Non mi viene garantito un lavoro, la dignità di guadagnarmi da vivere, di comperarmi una casa, di fare un figlio e non mi viene garantita neanche la mia sicurezza personale, l'illusione di credere che nessuno potrà mai farmi del male ma se dovesse accadere le autorità scoprirebbero il mio assassino, ingabbierebbero lo stupratore, mi tutelerebbero in tutti i modi ... ma così non è e non sarà ...

Dio non voglia: se qualcuno volesse uccidermi nessuno scoprirebbe il mio assassino (tranne se non lasciassi il nome di tale tizio scritto con il mio sangue sul muro contro cui verrei spiaccicata), se qualcuno mi stuprasse dovrei augurarmi di non indossare né jeans e né minigonna ma un abito considerato decoroso e magari il giorno dopo la denuncia vedrei il mostro passeggiare sotto casa mia e farmi strane allusioni ... e poi invece se io per disperazione o per "necessità" dovessi rubare una mela da un  supermercato perché affamata da morire mi vedrei scortata in gattabuia e con fedina penale sporca ...

Dov'è finita l'Italia dei Grandi? L'italia che ha ispirato artisti, maestri e pittori, che ha dato vita a uomini di cultura e di scienza che il mondo ci invidia? Dov'è l'Italia dei grandi combattenti?

Io non la riconosco ... io non la vedo più ed è come perdere una sorella, la parte più bella di sé ... 

Nessun commento:

Posta un commento