martedì 3 gennaio 2012

Spiderwick. Le cronache.



Il periodo natalizio lo dedico solo ed esclusivamente  ai libri fantasy. È un rito che mi  porto dietro da anni e che mi rende le feste ancora più magiche.
Quest’anno però tale magia è stata smorzata da: “Spiderwick. Le cronache”. Ho comperato questo libro all’inizio di ottobre e quasi come una reliquia sacra l’ho adagiata nella parte più alta della mia libreria, laddove i libri restano a riposo. Ogni giorno lo guardavo e sospiravo all’idea del fatidico giorno che mi avrebbe condotto oltre la soglia della copertina…e invece…
Non nego che il primo capitolo è stato allettante e mi ha incuriosito, ma poi…
È un libro per bambini, privo di qualsiasi forma di fantasia persino la più spicciola e la più remota. Il lessico è banale e lo stile è nullo. Non ho trovato una frase degna di essere sottolineata. Per non parlare poi di quelle rime stupide e banali che mi hanno irritato in un modo… da orticaria!
Morale della favola? Ho impiegato più di un mese per leggerlo ( un mese? ma dico siamo impazziti?) e alla fine mi sono anche annoiata…
Questo mi serva da lezione per il prossimo Natale: solo veri libri fantasy.

Nessun commento:

Posta un commento