martedì 3 gennaio 2012

Librerie e Autori


Librerie e AutoriLa realtà editoriale italiana è incappata in un nugolo di scrittori esordienti che restano tali anche dopo il decimo libro. Per alcuni è un vero peccato visto l'eccellenza della loro scrittura per altri è solo una conseguenza.
L'altro giorno parlando con un amico siamo giunti a un'amara conclusione: non sempre si viene premiati per la bravura, spesso i libri si vendono solo ed esclusivamente grazie a una buona promozione o a un nome altisonante. Non sempre è così fortunatamente ma i fattori che marchiano il romanzo come "successo" "caso editoriale" a volte restano oscuri, o almeno grigi.
 
Di una cosa sono convinta però.
Alcune piccole case editrici vengono snobbate dalle librerie sempre per la solita tiritera: lo sconosciuto di turno non convinge nessuno. Se si devono spendere 15, 20 euro la maggior parte dei lettori preferiscono andare sul sicuro, scelta che apparentemente sembrerebbe vincente ma non sempre è così. Tra gli scrittori poco noti ci sono delle piccole perle che dovrebbero davvero essere montate su anelli di platino!
Così accade che gli scaffali si riempino dei soliti nomi, eppure esistono delle anime pie. Molte librerie private, con l'avvento di facebook e dei molteplici blog che dilagano in rete, adottano libri di esordienti e spesso organizzano presentazioni e quant'altro.

Un esempio palese è la libreria "LUPO ROSSO" di  Paola Boni. E' diventata davvero il centro del fantasy italiano e non mi sorprenderei se a breve da esso venisse al mondo un concorso letterario o qualcosa del genere disposto verso nuovi autori.
Ma la Bontà di Paola, anche se rara non è unica. Ho scoperto altri volti e altri nomi. Uomini e donne silenziose che scivolano furtivi in rete e sostengono nel loro piccolo chi vuole emergere.

Questo gesto potrà anche apparire banale ma il sostegno dalla parte delle librerie, per un autore è fondamentale.
Vi narro la mia esperienza, giusto per darvi un'idea. 

Librerie e AutoriNel mio paese non ci sono libreria, alcune edicole hanno dedicato un angolo del loro negozio a suddetta mansione.  Ogni volta che ho pubblicato libri mi sono sempre fatta il giro per chiedere un pezzetto di visibilità. Da premettere che sono quattro le edicole che vendono romanzi. Devo dire che sono stati tutti disponibili e gentilissimi, all'inizio almeno. Uno ha piazzato il mio libro all'ultimo piano, su ... su ... su ... sulle nuvole, in poche parole:  neanche la supervista di superman avrebbe mai potuto vederlo, quando qualcuno è andato a chiedere una copia aveva sempre una scusa : una volta gli mancava la scaletta, una volta non ricordava il nome dell'autrice, una volta non ricordava se i titoli fossero terminati. In poche parole sono venuti a citofonarmi  per comperarsi il libro! 
Un altro signore li ha messi sul banco all'ingresso vicino al cioccolato ferrero ... li ha venditi tutti!
Una signorina ha usato lo stesso metodo vendendoli tutti, peccato abbia chiesto il 30% sul prezzo di copertina, le ho lasciato tutti i soldini guadagnati perchè era troppo arrogante!
Colui invece che mi ha toccato il cuore è stato un vecchietto. Avrà avuto ottantanni. Mi ha venduto otto copie e quando ho provato a regalargliene una mi ha pagato persino quella.
Mi ha pubblicizzato con tutti i suoi clienti, persino con i cagnolini che passavano davanti al negozio. Ha messo delle copie in vetrina, altri sul banco e altri tra le riviste!!!
Che signorone! Peccato sia andato in pensione ma ricordo ancora la sua politica sul sostenere i giovani : " SE RIUSCIRETE VOI, RIUSCIREMO ANCHE NOI, PERCHè IL PAESE CRESCERà".
Aiutando me, aiutava il futuro e questa cosa mi da i brividi!!! 


 
Scritto da caterinaarmenta alle ore 21:25 del giorno: domenica, 07 novembre 2010

Nessun commento:

Posta un commento