martedì 3 gennaio 2012

Demetrio dai capelli verdi di Marco Mazzanti





Demetrio dai capelli verdi di Marco Mazzanti

Autore: Marco Mazzanti
Editore: Eiffel
Pagine: 288
Prezzo: 14,00 €
Il mio voto ( anobii): 4 stelline









 
Demetrio ha i capelli verdi, il volto diafano, strani geroglifici sul corpo. Non è certamente un ragazzo che passa inosservato. Questa sua particolarità l'ha reso schivo e riservato, teme il mondo e coloro che ne fanno parte, va alla ricerca dei suoi simili anche se i suoi simili non sa se esistano davvero. È  alla forzata ricerca di sé e questo lo rende nervoso, impaurito. Il romanzo si divide in due parti.
La prima racconta la vita di Demetrio a casa di Joan Marcel, artista che insegna ai ragazzi di paese l’arte del dipingere. La musa ispiratrice è Demetrio che fa da modello.  Mentre se ne sta lì fisso ad osservare gli occhi incuriositi degli altri che cercano di riportare su tela la bellezza del suo corpo scultoreo, pensa a Roze, splendida creatura conosciuta  in chiesa e di cui lui si innamora perdutamente, purtroppo sarà un amore impossibile. Questo sentimento incrinerà l’amicizia tra Demetrio e Joan Marcel. Entrambi rapiti dall’amore verso la stessa donna. L’artista avrà la meglio in quanto Roze accetterà di sposarlo.  Questo evento determinerà la fuga di  Demetrio da Sòfiar ( paese in cui vive)  per andare alla ricerca della sua famiglia.
La seconda parte del romanzo è intrisa di mistero e magia, di un certo calore familiare in un crescente senso di amore, disagio, costernazione. Alla narrazione si aggiunge un pathos più denso e lentamente alcuni misteri vengono svelati per lasciare il lettore in uno stato di trance, di abbandono e al contempo di letizia. Demetrio scoprirà di essere frutto dell'amore, di essere stato abbandonato  e cresciuto dal pregiudizio, impara a capire cosa non desidera sbirciando la vita di coloro che vivono all'interno di un monastero, luogo che diventa rifugio e prigione. In un crescendo di tensione emotiva e di un altalenarsi dell'umore di Demetrio, l'autore sviluppa pagina dopo pagina un genere letterario che ha i contorni del fantastico e la prepotenza della narrativa. Alla fine si scoprirà che Demetrio non è altro che il risultato genetico tra un "diverso" e una ragazzina di quindici anni, consentendo così al mistero di scivolare da lui per precipitare sulla figura enigmatica di suo padre ... Demetrio ancora una volta fugge ... troverà mai gli esseri venuti dalla luce? Coloro che sembrano essere i suoi antenati?
La seconda parte del romanzo aggiunge mistero al mistero, piccoli semi piantati che lasciano con il cuore palpitante e la voglia di scavare affondo. Un romanzo originale, scritto molto bene, fluido che consente una lettura trasversale. Dalla prima pagina il romanzo cattura con forza proiettando il lettore in un mondo fiabesco in cui spesso ci si chiede quale sia la verità e quale la menzogna.
I punti deboli sono pochi e del tutto personali, desidero menzionarli per far capire il perché non abbia dato le cinque stelline: il titolo, mi ricorda troppo “Anna dai capelli rossi”, toglie al romanzo il lato fiabesco. Il rapporto tra Demetrio e Joan Marcel passa in maniera repentina da coinvolgente e simbiotico a stucchevole, freddo e odioso. Demetrio ha 25 anni ma si comporta come un adolescente e visto le difficoltà che ha vissuto nella vita mi sembra poco credibile. Il serpente, “il male” che insegue Demetrio è solo accennato e il lettore rimane con l’amaro in bocca. Anche se ci sarà un seguito, il lettore ha comunque diritto a capire quel primo libro a cui ha dato parte di sé e del suo tempo.
Mi permetto di dire che mi piacerebbe molto leggere la storia di Demetrio in un bel libro –  album dalle pagine plastificate corredato dai disegni dell’autore che trovo splendidi. (Questo parere è ancora più personale del precedente) .  
Un romanzo “Demetrio dai capelli verdi” consigliato a chi ama leggere storie di uno certo spessore, dal forte impatto emotivo e che regala ore piacevoli in un vero e proprio stato di letizia.
Consigliatissimo!!!
 
Scritto da caterinaarmenta alle ore 20:49 del giorno: domenica, 07 agosto 2011

Nessun commento:

Posta un commento